Fudemame in Tokyo

Pensieri, riflessioni, considerazioni sparse di un'italiana in Giappone.

Vivere Tokyo: Dell'amore e i suoi luoghi d'ombra

Shibuya ha il giorno che si fa notte a tutte le ore. È la magia dei love hotel (ラブホテル) e della voglia che la smuove e la persuade; il disincanto di luoghi dedicati e dell’amore che si ritaglia a forza i suoi spazi vitali.

Poco distante dal cinema Vera e Bunkamura, ecco una sfilza di strutture in stile europeo, un po’ eccentriche, su cui campeggia la scritta inglese "rest". Offrono soggiorni brevi, fatti di una manciata d'ore, a poco più di 3.000 yen (circa 24,00 euro). Abitacoli dalle luci soffuse e dai nomi improbabili, scenario di notti indimenticabili o semplici habitué notturni. 

f:id:fudemameintokyo:20180905154031p:plain

Coppie sposate che cercano di sfuggire alla solita routine, ai giorni che si susseguono tutti uguali, in cui incontrarsi a metà strada tra la notte e il giorno sembra impossibile pur condividendo lo stesso tetto.

Amanti dall’amore fugace e proibito, che si sono innamorati o forse solo invaghiti alle spalle e alle spese di terzi.

Adolescenti dagli amori prematuri, giovaniinesperti ... Scivolano abbracciati per la stradina dell'amore, tutti a passo lento di libido.

Ad accoglierli all'ingresso del love hotel, un pannello meccanico da cui selezionare la camera e una mano a porgergli la chiave da sotto una tenda. 

Non si parla, non si chiede l’identità degli ospiti, né l’età. Nessuna presenza scomoda, nessun documento, nessun nome richiesto e svelato. C’è un tacito accordo che tutela la privacy degli amanti.

Nessuno schiamazzo, nessuna vergogna lungo la via che conduce a questi luoghi d'ombra, piuttosto contegno e decoro. Qui del sesso non si fa mistero, né tabù, perché i love hotel sono un luogo come un altro per celebrare l'amore in poche ore, in quel solo tempo che si ha a disposizione, al riparo da occhi indiscreti.

Mi appaiono seri i due che mi vengono incontro sulla strada e che poi svoltano a sinistra all’ingresso dell’Amore (così si chiama il love hotel che hanno scelto per loro quella domenica pomeriggio).

Lui le avvolge i fianchi con il braccio, fingendo una possanza che non gli è propria. Mi sembra un ventenne che si atteggia a fare l'uomo vissuto, ma Shibuya non ha pregiudizi e serve a chiunque l'opportunità di esperire.

Di fianco a lui la ragazza, cinta in vita dal braccio di lui, sta calibrando dentro di sé le emozioni del momento, per realizzare in fretta quello che di lì a poco accadrà. Ha un tubino avorio, che la sagoma, e sandali neri dai tacchi alti e squadrati. Quel pomeriggio, quando ha scelto cosa indossare, lo ha fatto con la premessa di quel fine giornata e la consapevolezza della direzione dei suoi passi in quella via.

Ha i capelli unti dalla brillantina e mani in tasca l'uomo dal completo blu elettrico che avanza spedito. Un charao (チャラ男, donnaiolo) in piena regola, fradicio di dopobarba e Mevius al mentolo. Ha la fede al dito, ma dubito che la moglie sia la quasi ventenne che lo accompagna barcollante sui tacchi.

Lui le sussurra languido due parole all'orecchio; lei socchiude lo sguardo, si finge amante esperta. Qualche risatina stridula suggella il patto e via anche loro giù per la stradina che li inghiotte sorda.

f:id:fudemameintokyo:20180905154209p:plain

I giapponesi amano l’amore esattamente come gli  italiani, ma sono forse più pratici e meno  trascendentali. Se in alcuni contesti ci si perde nella formalità, in altri si va dritto al sodo e i love hotel rappresentano l'esplicito, la verità senza il panegirico della forma.

Luoghi singolari, che non sono né più, né meno di quello che  offrono: intimità e privacy incondizionate, a chiunque e a qualsiasi ora. 

Perché tutto qui a Tokyo ha i suoi luoghi e i suoi tempi, anche l’amore, e l'amore in questi luoghi dedicati si dilata nei minuti e nelle ore, prendendosi il tempo, lo spazio e la privacy che gli spettano, senza l'ansia di doversi necessariamente ostentare e manifestare in ogni dove.

S A Y C E T - Dream Factory - YouTube

Copyright© 2017-2018 Eleonora Blundo. All rights reserved.